Navigatore
Contenuto

Il revisore dei conti





L'Assemblea  elegge con votazione per scrutinio segreto ed a maggioranza assoluta dei membri in carica un revisore scelto tra gli esperti di cui all'art. 234, 2° comma del decreto lg.vo n.267, del 18.08.2000 per la durata di un triennio dalla data di esecutività o eseguibilità della delibera di affidamento.
Non possono essere eletti revisori dei conti parenti od affini entro il quarto grado a componenti del Consiglio Direttivo. Valgono per il revisore le norme di incompatibilità ed ineleggibilità di cui all'art. 236 del T.U. 267/2000.
I1 Revisore non è revocabile, salvo inadempienza nel mandato ed è rieleggibile per una sola volta.
I1 Revisore ha personalmente diritto di accesso agli atti e documenti del Consorzio e facoltà di partecipare, senza diritto di voto, alle sedute dell'Assemblea Generale e del Consiglio Direttivo i suddetti diritti non sono delegabili.
La partecipazione è obbligatoria quanto si debba deliberare il bilancio di previsione e il rendiconto; comunque l'eventuale assenza, qualora l'avviso di convocazione sia stato recapitato in tempo utile, non impedirà all'Organo di deliberare.
I1 Revisore collabora con l'Assemblea Generale nella sua funzione di controllo e di indirizzo; esercita la vigilanza sulla regolarità contabile e finanziaria della gestione ed attesta la corrispondenza del rendiconto alle risultanze della gestione stessa, redigendo apposita relazione, che accompagna la proposta di deliberazione del conto consuntivo; essa dovrà essere inviata ai componenti dell'Assemblea Generale con l'avviso di convocazione della relativa seduta consiliare.
Il Revisore inoltre esercita le competenze relative ai controlli interni che la legge, i Regolamenti o i contratti collettivi di lavoro attribuiscono al nucleo di valutazione. A tal fine la relazione di accompagnamento alla proposta di deliberazione del rendiconto è integrata da una parte che dovrà contenere i risultati del monitoraggio dell'andamento gestionale dell'anno precedente desunti dalle relazioni finali dei responsabili di servizio e dai dati contabili nonché le eventuali tempestive azioni correttive necessarie. La delibera di approvazione della relazione costituisce altresì ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi dell'anno di riferimento.
Il Revisore risponde della verità delle sue attestazioni e adempie ai propri doveri con la diligenza del mandatario. Ove riscontri gravi irregolarità nella gestione dell'ente, ne riferisce immediatamente all'Assemblea Generale. Entro il 15 settembre di ciascun anno verificherà il permanere degli equilibri  generali di bilancio e , in caso di accertamento negativo, proporrà all'Assemblea i provvedimenti necessari per il ripiano degli eventuali debiti di cui all'articolo 194 del TUEL, per il ripiano dell'eventuale disavanzo d'amministrazione risultante dal rendiconto approvato e,qualora i dati della gestione finanziaria facciano prevedere un disavanzo di amministrazione o di gestione ovvero della gestione dei residui, propone le misure necessarie a ripristinare il pareggio.

Dal 29/05/2020, il Revisore dei Conti del Consorzio è il rag. Fachin Fabio